itemscope=""

Spedizioni e Trasporti Eccezionali – CRISTEF.IT

trasporto eccezionale aereo

HEAVY LIFTS LOADING La societa’ Cristef  ha un’esperienza di oltre 25 anni nel trasporto e spedizione di colli eccezionali, colli fuori sagoma, colli pesanti , trasporti di impiantistica per estero, trasporti eccezionali per europa .

Il titolare della Cristef Sig. Silvano Ottonello  ha un’esperienza  ultra quarantennale  nel settore dello shipping  e dei trasporti eccezionali, effettuiamo trasporti  stradali con richiesta dei permessi e delle scorte stradali, imbarchiamo ogni tipo di impianto su navi convenzionali  cioe’ navi che caricano merce non containerizzabile  in stiva e utilizziamo navi speciali : roll on roll off  , cioe’ navi che possono caricare  rotabili , macchine movimento terra, sia cingolate che gommate, terne , escavatori, buldozers, camions, autogru, rimorchi, trailers, bilici e casse , macchinari che carichiamo sopra mafi , cosa sono i mafi ? sono speciali rimorchi che servono a trasportare le merci in ambito portuale e sulle navi roll on e roll of , e ro-ro.

Carichiamo  colli molto pesanti su  navi heavy lift, cioe’ navi che sono dotate di bighi di sollevamento oltre le cento tonnellate e possono sollevare i colli dalla banchina o da camion  lungo il bordo nave e depositarli in stiva, utilizziamo anche navi lift on e lift off, che sono navi che hanno la capacita’ di autoaffondarsi raggiungendo cosi’ il livello della banchina e permettendo l’imbarco di  rimorchi e carrelli speciali che trasportano colli molto pesanti che diversamente non sarebbe possibile caricare con le gru portuali.

Su richiesta carichiamo anche con navi autoaffondanti che possono ricevere altre imbarcazioni e yachts che poi vengono fissate sul ponte  della nave e trasportate a destinazione.

L’impiantistica  e’ seguita con cura particolare in quanto solitamente questi contratti sono su base door to door  ed i fornitori dei macchinari devono rendere la merce  nei cantieri di destinazione curando anche il montaggio ed il collaudo quindi la nostra assistenza spesso  termina solo ad impianto ultimato e collaudato  e dobbiamo seguire l’imballaggio della merce, il carico degli impianti sui camion, il trasporto eccezionale stradale, l’assistenza portuale per imbarcare le merci sulle navi,il stivaggio , il trasporto marittimo internazionale , il disistivaggio e lo sbarco nei porti di destinazione, il trasporto stradale nei cantieri e spesso l’assistenza al montaggio dei pezzi utilizzando le gru semoventi che sono necessarie.

Ci fa piacere inserire alcune foto di archivio  di spedizioni e trasporti eseguiti negli anni 90

spedizionieri doganali

 

Importanti novita’ riguardo al regime Iva dei beni in esportazione ed Importazione:

I servizi di trasporto connessi agli scambi internazionali di beni di cui all’articolo 9 del D.p.r. 633/72 possono beneficiare della non imponibilita’ IVA solo se resi direttamente all’esportatore, al titolare del regime di transito, all’importatore, o al destinatario dei beni.
Restano pertanto esclusi dal beneficio di non imponibilità i servizi resi dalle imprese di trasporto resi a committenti diversi da quelli appena citati (c.d. sub vettori o subcontraenti).

Lo prevede l’art. 5 septies del D.L. n. 146/2021 (c.d. “decreto fiscale” come convertito in legge dalla L. 215/2021), che recepisce, a decorrere dal 1 gennaio 2022, l’orientamento della Corte di Giustizia UE (causa C-288/16 del 29/06/2017), secondo il quale il regime di esenzione IVA (rectius non imponibilità) previsto dall’art 146 della Direttiva IVA si applica solo sui servizi di trasporto resi direttamente al mittente o al destinatario dei beni. Restano salvi i comportamenti difformi adottati dai contribuenti anteriormente alla data di entrata in vigore della nuova norma

Si tratta di una novità importante per le imprese di trasporto, che spesso si trovano a sub affidare a terzi soggetti il trasporto di alcune tratte, poiché restringe significativamente l’ambito applicativo della non imponibilità dei servizi di trasporto internazionale. Infatti, se con l’attuale formulazione dell’art. 9 D.P.R. n. 633/72, la non imponibilità del trasporto risulta condizionata al fatto che il servizio sia “relativo” ad un bene in esportazione o importazione (in tal caso a condizione che il corrispettivo sia incluso nel valore doganale); diversamente con la novella normativa, viene introdotto anche l’ulteriore requisito, secondo cui la non imponibilità per i servizi in questione spetta solo ove il servizio sia reso direttamente all’esportatore o importatore.

Nel dettaglio, l’art. 9, comma 1, n .2 del D.p.r. 633/72 si limita attualmente a prevedere la non imponibilità per i “trasporti relativi a beni in esportazione, in transito o in importazione temporanea, nonché i trasporti relativi a beni in importazione i cui corrispettivi sono inclusi nella base imponibile ai sensi del primo comma dell’art. 69” cosicché sin ora il regime di favore è stato di regola applicato avendo unicamente a riferimento la “connessione” del trasporto con un bene in esportazione o importazione, anche in considerazione del fatto che la stessa amministrazione finanziaria aveva avuto modo di precisare che la non imponibilità per tali trasporti spetta  “anche nel caso in cui gli stessi vengano effettuati da più vettori o da terzi sub-contraenti” (cfr. Circ. n. 26/411138 del 3/08/ 1979 e Circ. n. 62/539917 del 3/11/ 1973).

A livello comunitario l’art. 146 della Direttiva IVA prevede che gli Stati membri esentano le prestazioni di servizi, compresi i trasporti e le operazioni accessorie, qualora direttamente connesse alle esportazioni o importazioni di beni. Secondo la sentenza della Corte di Giustizia UE, il regime di esenzione previsto dall’art. 146, risulta applicabile solo nell’ipotesi in cui i servizi di trasporto vengano forniti “direttamente al mittente o al destinatario di detti beni”, con la conseguenza che i servizi resi dall’eventuale sub-trasportatore, sovente necessari per una efficiente gestione dei trasporti internazionali, non possono essere esentati dall’imposta, non essendo forniti direttamente al destinatario o all’esportatore di tali merci, bensì a una controparte contrattuale di quest’ultimo.

In tale scenario, al fine di risolvere l’incompatibilità della norma interna a quella comunitaria, l’art. 9 del D.p.r. 633/72 viene modificato precisando che i servizi di trasporto non imponibili non comprendono quelli resi a soggetti diversi dall’esportatore, dal titolare del regime di transito, dall’importatore e dal destinatario dei beni. In particolare, viene aggiunto un ulteriore comma all’art. 9 ove si prevede che “Le prestazioni di cui al primo comma, numero 2), non comprendono i servizi di trasporto resi a soggetti diversi dall’esportatore, dal titolare del regime di transito, dall’importatore, dal destinatario dei beni o dal prestatore dei servizi di cui al numero 4) del medesimo primo comma”.

Le nuove disposizioni si renderanno tuttavia applicabili dal 1 gennaio 2022 facendo salvi i comportamenti adottati anteriormente a tale data nel rispetto del principio del legittimo affidamento. E’ opportuno precisare tuttavia che le nuove disposizioni impatteranno unicamente i servizi resi a imprese committenti stabilite in Italia in applicazione delle regole generali di territorialità previste dall’art. 7-ter del D.p.r. 633/1972. Di converso i servizi resi a committenti esteri resteranno non soggetti ad IVA in Italia come in passato.

Impatti operativi per le imprese di spedizione e trasporto

Fermo restando quanto sopra è utile rilevare che dalla formulazione normativa si evince anche che, oltre ai servizi resi all’esportatore/importatore/destinatario, il trattamento di non imponibilità resta applicabile anche ai servizi di trasporto resi ai soggetti che prestano i servizi di cui al numero 4 dell’art. 9, ossia ai “ i servizi di spedizione relativi ai trasporti di cui al precedente n. 1), ai trasporti di beni in esportazione, in transito o in temporanea importazione nonché ai trasporti di beni in importazione sempreché i corrispettivi dei servizi di spedizione siano inclusi nella base imponibile ai sensi (3) del primo comma dell’art. 69; i servizi relativi alle operazioni doganali”.

Per quanto sopra, pertanto, per le imprese di trasporto che rendono servizi alle imprese di spedizione risulterà applicabile il regime di non imponibilità a condizione ovviamente che il trasporto abbia ad oggetto beni in esportazione/transito/importazione (in tale ultimo caso a patto che il corrispettivo della spedizione sia incluso nel valore dichiarato in dogana in sede di importazione). Analoghe considerazioni riguardano anche i servizi relativi alle operazioni doganali tipicamente forniti dalle imprese che agiscono in dogana quali rappresentanti doganali ai sensi dell’art. 18 del Regolamento (UE) n. 952/2013.

Ciò è confermato anche dalla documentazione dei lavori parlamentari, ove a commento delle nuove disposizioni viene riportato che la novella intende specificare che le prestazioni non imponibili non comprendono i servizi di trasporto resi a soggetti diversi:

  • dall’esportatore;
  • dal titolare del regime di transito;
  • dall’importatore;
  • dal destinatario dei beni;
  • dal prestatore di servizi di spedizione relativi a trasporti di persone eseguiti in parte nel territorio dello Stato e in parte in territorio estero in dipendenza di unico contratto, a trasporti di beni in esportazione, in transito o in temporanea importazione, nonché a trasporti di beni in importazione sempreché i corrispettivi dei servizi di spedizione siano inclusi nella base imponibile;
  • dal prestatore di servizi relativi alle operazioni doganali.

Dalla lettura a contraris per i servizi di trasporto resi ai soggetti sopramenzionati è applicabile il regime di non imponibilità.

Casistiche ricorrenti

  • servizio di trasporto reso a committente estero: l’operazione è non soggetta ad IVA ai sensi dell’’art. 7-ter del D.p.r. 633/72;
  • servizio di trasporto reso a impresa di spedizione: se l’operazione ha ad oggetto un bene in esportazione/importazione/transito, l’operazione è non imponibile ai sensi dell’art. 9 secondo la novella normativa; lo stesso trattamento risulterebbe applicabile anche ove il servizio di trasporto fosse reso da una impresa di spedizione ad altra impresa di spedizione.
  • servizio di trasporto reso a committente italiano diverso da esportatore/importatore e impresa di spedizione per quanto sopra: l’operazione è soggetta ad IVA ordinaria.

Preventivo Trasporto internazionale di Veicoli – cristef.it

TRASPORTO AUTO D'EPOCA IN CONTAINER

AUTOMOBILE D’EPOCA

 

Preventivo trasporto veicoli, automobili usate e nuove

Compila il form e ottieni il prezzo del tuo preventivo di trasporto veicoli!

Indicaci : modello Automobile, anno immatricolazione, localita’ di ritiro, porto di destinazione, localita’ di consegna.

Veicoli  , Ibridi, elettrici quotati come per trasporto di merci pericolose.

Indicare quantità veicoli da spedire

Periodo di carico ipotizzato:

Allega eventuali immagini/foto/documenti :

Indica il tipo di veicolo, marca, modello, anno di costruzione, gpl, benzina, diesel
esempio:
Jeep, Cherokee, 2009, diesel, Massa: 2500 kg, L 4790 mm, L 1930 mm, Altezza 1820 mm

 

Paese di imbarco

 

Indicare i porti di partenza preferiti
 

Paese di sbarco
 

Indicare i porti di sbarco preferiti

 

Note importanti:

Nome
 

Cognome

Email

Numero di telefono

Trasporto Italia Nord America FAQ – cristef.it

 

Infondo alla pagina potete fare la vostra domanda.
Potrete risolvere ogni vostro dubbio riguardo il trasporto internazionale.

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 

Grazie,
e buona navigazione.

Italia import e export per:

NORTH AMERICA
Country (Area) Seaport Country (Area) Seaport
Canada Halifax, NS 
Montreal, PQ 
Quebec, PQ 
Saint John, NB 
Toronto, ON 
Vancouver, BC
USA  Gulfport, MS 
Hampton Roads, VA 
Honolulu, HI Houston, TX 
Jacksonville, FL 
Lake Charles, LA 
Long Beach, CA 
Mexico Coatzacoalcos 
Guaymas 
Lázaro Cárdenas 
Manzanillo 
Salina Cruz 
Tampico 
Tuxpan 
Veracruz
USA  Los Angeles, CA 
Milwaukee, WI 
Mobile, AL 
New Orleans, LA 
New York, NY 
Oakland, CA 
Orange, TX 
Palm Beach, FL 
USA 
Anchorage, AK
Baltimore, MD
Baton Rouge, LA
Beaumont, TX
Boston, MA
Brownsville, TX
Buffalo, NY
Canaveral, FL
Charleston, SC
Chicago, IL
Cleveland, OH
Corpus Christi, TX
Detroit, MI
Duluth-Superior, MN
Erie, PA
Freeport, TX
Galveston, TX 
USA  Panama City, FL 
Pascagoula, MS 
Pensacola, FL 
Philadelphia, PA 
Port Arthur, TX 
Port Everglades, FL 
Portland, ME 
Portland, OR 
Sacramento, CA 
San Diego, CA 
San Francisco, CA 
Savannah, GA 
Seattle, WA 
Stockton, CA 
Tacoma, WA 
Tampa, FL 
Toledo, OH

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 
N.b. :A alcune domande daremo risposta direttamente via email ad altre risponderemo direttamente qui sul portale. 

Grazie,
e buona navigazione.

Trasporto Italia Australia FAQ – cristef.it

 

Infondo alla pagina potete fare la vostra domanda.
Potrete risolvere ogni vostro dubbio riguardo il trasporto internazionale.

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 

Grazie,
e buona navigazione.

Italia import e export per:

AUSTRALIA AND OCEANIA
Country (Area) Seaport County (Area) Seaport
American Samoa Pago Pago Nauru Nauru
Australia Adelaide, SA 
Brisbane, QLD 
Darwin, NT 
Fremantle, WA 
Geelong, VIC 
Hobart, TAS 
Melbourne, VIC 
Newcastle, NSW 
Perth, WA 
Sydney, NSW 
Townsville, QLD
New Caledonia Noumea
Christmas Island Kiritimati New Zealand Auckland 
Christchurch 
Dunedin 
Lyttelton 
Napier 
Timaru 
Wellington
Cook Islands Mangaia 
Rarotonga
Niue Alofi
Fiji Lautoka 
Suva
Papua New Guinea Lae 
Madang 
Port Moresby 
Rabaul
French Polynesia 
  (Tahiti)
Papeete Samoa 
  (Western Samoa)
Apia
Guam Apra (Agana) Solomon Islands Honiara
Hawaii Honolulu Tonga Nuku’alofa
Kiribati Tarawa Tuvalu Funafuti
Marshall Islands Majuro Vanuatu Vila

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 
N.b. :A alcune domande daremo risposta direttamente via email ad altre risponderemo direttamente qui sul portale. 

Grazie,
e buona navigazione.

Trasporto Italia Africa FAQ

stivaggio automobile in container

Trasporto Italia per tutte le destinazioni Africa, trasportiamo Automobili in servizio roro, camion in roro, veicoli  pesanti in roro, impiantistica che carichiamo su mafi da 20′ e 40′, spediamo  qualsiasi merce in containers 20′ e 40′ , carichiamo containers da tutta l’italia per l’africa  con linea di navigazione portacontainers e linea car carrier e roro. Trasportiamo veicoli, automobili, rotabili nuovi e usati da: Genova. Livorno , Salerno  per : Casablanca in 7 giorni,  Dakar in 11 giorni, Nouakchott in 20 giorni,Conakry in 24 giorni, Monrovia in 31 giorni, Pointe noire in 27 giorni, Luanda in 28 giorni,Douala in 30 giorni, Libreville in 46 giorni, Banjul in 47 giorni, Tema in 26 giorni, Lagos in 19 giorni , Cotonou in 18 giorni, Lome’ in 17 giorni, Abidjan in 15 giorni. Prepariamo tutta la necessaria documentazione per l’Africa, Besc, Ectn, Ctn, Tracking note, chiamateci al 3356062020 o mandateci una mail a: info@cristef.it

Infondo alla pagina potete fare la vostra domanda.
Potrete risolvere ogni vostro dubbio riguardo il trasporto internazionale.

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 

Grazie,
e buona navigazione.

Italia import e export per:

AFRICA 
Country (Area) Seaport  Country (Area) Seaport 
Algeria Algiers 
Annaba 
Oran 
Skikda 
Mauritania  Nouakchott 
Angola Lobito 
Luanda 
Soyo 
Mauritius  Port Louis 
Benin Cotonou  Morocco  Agadir 
Casablanca 
Ceuta 
Botswana landlocked  Mozambique  Beira 
Maputo 
Nacala 
Burkina Faso 
  (Upper Volta)
landlocked Namibia Luderitz
Burundi landlocked Niger landlocked
Cameroon Douala Nigeria Calabar 
Lagos-Apapa 
Port Harcourt 
Warri
Cape Verde Islands Praia Réunion Pointe des Galets
Central African Rep landlocked Rwanda landlocked
Chad landlocked St. Helena Jamestown
Congo Pointe Noire   – Ascension  
Côte d’Ivoire 
(Ivory Coast)
Abidjan    – Tristan da Cunha  
Djibouti Djibouti Sao Toméand Principé Sao Tomé
Egypt Alexandria 
Damietta 
Port Said
Senegal Dakar
Equatorial Guinea Bata 
Malabo
Seychelles Victoria
Ethiopia Assab 
Massawa
Sierra Leone Freetown
Gabon Libreville (Owendo) 
Port Gentil
Somalia Berbera 
Mogadishu
Gambia Banjul South Africa Cape Town 
Durban 
East London 
Port Elizabeth 
Saldanha Bay
Ghana Tema Sudan Port Sudan
Guinea Conakry Swaziland landlocked
Guinea-Bissau Bissau Tanzania Dar es Salaam 
Mtwara 
Tanga 
Zanzibar
Kenya Mombasa Togo Lome
Lesotho landlocked Tunisia Sfax 
Sousse 
Tunis-La Goulette
Liberia Buchanan 
Monrovia
Uganda landlocked
Libya Benghazi 
Tripoli
Zaire Boma 
Matadi
Madagascar Majunga 
Tamatave
Zambia landlocked
Malawi landlocked Zimbabwe landlocked
Mali landlocked    
     

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 
N.b. :A alcune domande daremo risposta direttamente via email ad altre risponderemo direttamente qui sul portale. 

Grazie,
e buona navigazione.

Trasporto Italia Centro America FAQ

Container Italia Gueyana Georgetown

 

Infondo alla pagina potete fare la vostra domanda.
Potrete risolvere ogni vostro dubbio riguardo il trasporto internazionale.

Italia import e export per:

CENTRAL AMERICA
Country (Area) 
Seaport Country (Area) Seaport
Anguilla Sandy Ground Haiti Cap Haitien 
Port au Prince
Antigua and Barbuda St. John’s Honduras Puerto Cortés
Aruba Oranjestad Jamaica Kingston
Bahamas Freeport 
Nassau
Martinique Fort de France
Barbados Bridgetown Montserrat Plymouth
Belize Belize City Netherlands Antilles Willemstad 
Curacao
Bermuda Hamilton Nicaragua Corinto
Cayman Islands George Town Panama Balboa 
Colon 
Cristobal
Costa Rica Puerto Caldera 
Puerto Limon 
Puntarenas
Puerto Rico Ponce 
San Juan
Cuba Havana St. Kitts and Nevis Basseterre
Dominica Roseau St. Lucia Castries
Dominican Republic Rio Haina 
Santo Domingo
St. Vincent 
and Grenadines
Kingstown
El Salvador Acajutla Trinidad and Tobago Port of Spain
Grenada St. George’s Turks and 
Caicos Islands
Grand Turk
Guadeloupe Pointe á Pitre Virgin Islands (U.S.) St. Croix
Guatemala Santo Tomas de Castilla

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 
N.b. :A alcune domande daremo risposta direttamente via email ad altre risponderemo direttamente qui sul portale. 

Grazie,
e buona navigazione.

Trasporto Italia Medio Oriente FAQ

trasporto ferrari in container 

 

Infondo alla pagina potete fare la vostra domanda.
Potrete risolvere ogni vostro dubbio riguardo il trasporto internazionale.

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 

Grazie,
e buona navigazione.

Italia import e export per:

MIDDLE EAST
Country (Region) Seaport Country (Region) Seaport
Bahrain Manama Oman Mina Qaboos
Irak Basra 
Um Qasr
Qatar Doha
Iran Bandar Abbas 
Bandar Khomeini
Saudi Arabia Dammam 
Jeddah 
Jubail 
Yanbu
Israel Ashdod 
Eilat 
Haifa
Syria Lattakia 
Tartous
Jordan Aqaba Turkey Istanbul 
(Port located in Europe) 
Izmir 
Mersin
Kuwait Shuaiba 
Shuwaikh
United Arab Emirates Abu Dhabi 
Dubai 
Sharjah
Lebanon Beirut 
Tripoli
Yemen Aden 
Hodeidah

Portrete finalmente ricevere risposte chiare e precise alle vostre domande.
RicodateVi di indicare più dettagli possibili. 
N.b. :A alcune domande daremo risposta direttamente via email ad altre risponderemo direttamente qui sul portale. 

Grazie,
e buona navigazione.

Spedizioni e trasporti Internazionali per e da USA -Stati Uniti

Cristef Spedizioni e Trasporti Internazionali di merci ha un’esperienza dal 1991 per spedizioni  da e verso Stati Uniti, abbiamo magazzini a Genova, Milano Firenze, Bologna dove consolidiamo qualsiasi tipo di merce, ma in particolare spedizioni di  mobili ,accessori di design , vetrerie, porcellane, ceramiche , piastrelle , Auto di lusso, moto, libri, vestiti, tessuti, effetti personali.
Utilizziamo i magazzini ed i terminals del porto per spedire macchinari pesanti, macchine agricole, macchine movimento terra, automobili, grandi casse, macchine ofuori sagoma  che stiviamo e consolidiamo su contenitori piattaforma o flat racks e mafi, da 20 ‘e 40′.
Spediamo in tutti gli Stati Uniti  e su richiesta, possiamo anche sdoganare le merci in tutti i porti USA  di New York, Baltimora, Boston, Philadelphia, Savannah, Houston, Galveston, Jacksonville, Miami, Port Everglades, Chicago e Los Angeles, San Francisco, Seattle, Tacoma, Portland.
In Usa consegniamo le merci alle società su base DAP o DDU,per i traslochi  forniamo anche il servizio di sconsegna  al piano strada  con autocarri con sponda idraulica o all’interno della casa.
Spediamo anche veicoli e macchinari  rotabili con servizi ro-ro utilizzando navi porta  veicoli  dai porti di Genova, Savona, Livorno, Civitavecchia e Salerno fino al porto di New York, Baltimora, Savannah, Jacksonville, Houston, Galveston e Port Hueneme.
Per quanto riguarda le spedizioni di automobili, per evitare perdite di tempo inutili, si prega di notare che le autovetture per l’Usa possono essere accettate senza problemi per auto d’epoca di oltre 25 anni, automobili costruite in USA, autoveicoli costruiti in conformità alle norme EPA / DOT USA, Normalmente queste vetture possiedono un’etichetta sul motore in cui è scritto “questo veicolo è conforme alle normative USa- EPA …” per le auto che non sono conformi si deve chiedere la permesso di entrare in USA per EPA / DOT e le automobili dovranno essere rese Conformi dalle officine autorizzate da EPA / DOT, questo costerà molti  soldi. Anche le vetture che entrano negli Stati Uniti per un viaggio temporaneo o per il turismo dovranno essere approvati da EPA / DOT per entrare negli Stati Uniti.

Per spedizioni commerciali:
– indicarci la località di carico e scarico  con il codice postale
– Merce da spedire.
– tipo di contenitori necessari 20 ‘o 40′ o contenitori speciali, : open top, flat rack
– Per il carico fuori sagoma si prega di indicare il peso, le dimensioni di ciascun collo
– Tipo di imballaggio,se  è imballaggio conforme   ISPM o se serve la fumigazione
– condizioni di vendita condizioni fob, cif, dap, ddu
– se avete bisogno di assicurazione merci indicare valore.
Spedizioni di merci pericolose:
– normalmente accettiamo merci pericolose solo su contenitor completi, per favore indicateci classe imo, numero un, numero di imballaggio e  multimodale Dangerous goods declaration, dichiarazione di merci pericolose in 16 ° punti. Oltre a tutte le indicazioni sopra indicate per le spedizioni commerciali.


 Carico a temperatura controllata:
– Normalmente accettiamo solo containers completi 
 -  Indicare la Temperatura richiesta
– Si prega di notare che per le spedizioni di prodotti alimentari, sia gli esportatori che gli importatori devono essere registrati presso la FDA, Food and Drug Administration.

Per le spedizioni di autovetture:
– Indicare il modello dell’automobile e la data dell’edificio
– Indicare se è conforme alla normativa USA EPA / DOT
– Indirizzo di ritiro e  consegna  con codice postale

Per inviare un’automobile negli Stati Uniti:

- possono inviare un’automobile negli stati uniti senza pagare le tasse , i cittadini Americani che rientrano negli USA dopo aver soggiornato all’estero, coloro che si trasferiscono definitivamente  negli Stati Uniti.

Le automobili ed i veicoli  che possono entrare negli Stati Uniti :

- Vetture e moto che hanno un certificato di conformita’ per USA

- automobili e motocicli d’epoca , cioe’ con eta’ dall’anno di costruzione oltre i 25 anni.

- automobili che sono state  fabbricate negli Stati Uniti, anche se immatricolate in altri stati, queste nonj pagano le tasse import.

- automobili targate Stati Uniti

Automobili che non possono entrare negli Stati Uniti:

- sono le automobili  che sono state fabbricate in altri stati e che non hanno un certificato di conformita’ per gli Stati Uniti.

Per queste automobili occorre richiedere il permesso di entrata all’EPA Environmental Protection Agency e DOT Department of Transport, per ottenere il permesso  occorre rendere le automobili conformi presso un’officina autorizzata , questa operazione va fatta negli USA ma purtroppo e’ molto costosa .

Come trasportiamo le automobili:

Le automobili , sono ritirate  con bisarca e portate nei nostri magazzini e terminals , dove le stiviamo dentro i containers , nei containers vengono fissate per mezzo di apposite cinghie ed Air Bags per impedire che possano muoversi durante il trasporto.

Le motociclette invece vengono ritirate e sono imballate nei nostri magazzini in apposite gabbie in legno a norma ISPM 15  e vengono poi spedite in containers groupage  alle varie destinazioni  CFS usa .

Una volta arrivati nei porti Statunitensi, i containers sono ritirati dai nostri partners, vengono sdoganati e svuotati ed i veicoli vengono consegnati ai legittimi propietari.

Le automobili  vengono anche da noi spedite su navi ro-ro o cosi’ dette car carriers , nella stessa modalita’ di ritiro , le consengniamo nei vari terminals portuali di partenza , le vetture vengono caricate sulle navi  dove vengono stivate e fissate nei vari ponti nella nave in base alla destinazione finale,

 


 Traslochi:
– Indicare: sia  per l’Italia che USA, l’indirizzo completo, il piano di ritiro  e il codice postale
– Indicare un elenco di imballaggi di cose che dovete  spedire, se possibile, aggiungere immagini
– indicare se avete bisogno  smontare e rimontare i mobili e se volete il servizio d’imballaggio
– indicare anche il tipo e la situazione del VISA USA  per verificare se  si ha diritto all’esenzione dei diritti.
 
Per spedizioni di barche:
– indicare il modello della barca
– misure generali e peso
– luogo di raccolta / scarico
– se le dimensioni della barca comprendono le selle o meno.
– Tipo di servizio che serve: acqua-acqua,  o banchina-banchina


Alcuni suggerimenti per la spedizione USA:
Prestare attenzione a non affidare le tue spedizioni a aziende poco conosciute alcune volte è possibile ricevere un preventivo che a prima vista potrebbe sembrare molto basso, a volte potrebbe sembrare troppo basso, ci sono aziende che non sono a conoscenza delle normative USA o evitano  di  di riferire la situazione reale perché sono interessate solo a fare profitto  ora dopo l’11 settembre, il livello di sicurezza è attentamente monitorato dall’autorità statunitense e in alcune circostanze la mancata esecuzione delle regole e delle documentazioni richieste potrebbe generare  perdite di denaro a causa di costose multe da parte delle autorita’ Doganali ! Controlla sempre chi sia la società a cui stai parlando, da quanti anni sta lavorando sul mercato, attenzione  che alcune aziende che sono  in grado di svolgere lavori  locali eccellenti in termini di carico / scarico / disimballaggio non sono in grado di Gestire l’esportazione e la documentazione internazionale alle regole USA e questo potrebbe metterti in un reale pericolo di perdere un sacco di soldi o persino di perdere la tua merce
Ultimo non ultimo non aspettare ulteriormente, chiedici  il tuo preventivo  e riceverai la nostra quotazione gratuita e immediata